Ebbene sì, sono un “Early adopter”

Pubblicato: 13 giugno 2010 in Commenti
Tag:,

In attesa di raccontare le mie prime esperienze con l’iPad ripropongo un pezzo scritto nel luglio scorso quando sono passato all’iPhone…

Premetto che rispetto alla matrice di Boston il sottoscritto rientra nei cosiddetti “Earlier Adopter”. Già quattro anni fa ho posseduto il mio primo Pocket PC. Era un modello K-Jam della i-Mate. Oggi lo uso, di tanto in tanto, sul terrazzo per ascoltare la radio da internet in wi-fi. Dopo di lui ho posseduto un Treo… Tutti e due utilizzavano Mobile 5.0. Di recente ho provato anche un HTC Touch Dimond con Mobile 6… Onestamente il balzo quantico che si ha passando all’iPhone è impressionante. Prima di tutto gli applicativi non partono da soli mentre si sta telefonando incasinandoti tutto, come avveniva in passato. Poi il bluetooth sincronizzato in macchina non porta a spegnere automaticamente il telefono senza ragione alcuna. E queste sono solo due delle problematiche che mi assillavano. Non voglio andare oltre.
Vorrei invece sottolineare alcune applicazioni che ho scaricato sull’iPhone e che ormai mi accompagnano ovunque. Credo siano piuttosto utili e interessanti e quindi ve le sottopongo, nel caso anche voi aveste un iPhone, o vi venisse voglia di acquistarlo. Certo i detrattori della Mela sono molti, ma io che lavoro con due ambienti operativi da anni penso di essere abbastanza super-partes.
Dunque, partirei col traffico. Se sono in macchina e voglio vedere cosa mi aspetta in tangenziale o al casello dell’A8 (o di altre autostrade, ovviamente), accedo semplicemente all’applicativo Sky Way 24 o iTraffic: nel primo caso sul telefono mi appaiono le descrizioni dei punti critici di autostrade e tangenziale, con un’icona a forma di termometro. Se è rosso, meglio cambiare percorso… Nel secondo caso vado diretto sulle telecamere di Autostrade S.p.A. e vedo in tempo reale cosa accade in tutta Italia. Anche qui, in caso di ingorghi o file disumane cerco di cambiare percorso o orario. Rimaniamo sul tema “auto” e vediamo altre due interessanti applicazioni. Una è Trapster. Se la tenete attiva mentre guidate vi dice dove sono posti i controlli della polizia stradale e se vi iscrivete potete aggiornare voi stessi i punti dove in genere trovate la polizia stradale nascosta (per esempio in fondo a una discesina dove vigono i 50 all’ora, che è poi un classico per spennare i poveri automobilisti, che nemmeno in terza marcia potrebbero tenere quella velocità). L’altro è iNeedFuel. Qui potete sapere, rispetto a dove siete, quali sono i benzinai più vicini a voi e il prezzo delle singole pompe. Se poi il prezzo non corrisponde, potete anche intervenire e modificare voi stessi la quotazione riportata. Avete invece parcheggiato in un luogo che non conoscete e dopo un po’ di girovagare non vi ricordate più dove avete messo l’auto? Con Get me Back io attivo il programmino e lui mi riporta tramite GPS alla mia vecchia cara macchina, tracciando il percorso sulla mappa. Se poi, oltre a non conoscere bene il parcheggio non conoscete il posto, appena giunti sul luogo attivate AroundMe e, in tempo quasi reale, avete a disposizione le informazioni turistiche principali sul luogo e tutti gli indirizzi e telefoni di farmacie, alberghi, ristoranti, bar, pizzerie, ospedali, ecc. Basta scegliere quello che preferite e l’ìPhone vi mostra il percorso per raggiungerlo, o vi permette di chiamarlo telefonicamente con un solo tocco dello schermo. Sulla falsariga di AroundMe ho anche caricato Aziende.it. Qui potete anche dare la vostra votazione ai posti che conoscete personalmente. Non so, pranzate in un ristorante menzionato in Aziende.it; cliccate da 1 a 5 stelle e il vostro voto verrà condiviso anche con gli altri utenti.
Per leggere le ultime notizie consiglio iNotizie: trovate in un unico programmino le news che arrivano dal Corriere della Sera, La Repubblica, Il Sole 24 Ore e La gazzetta dello Sport; molto comodo.
Se poi fate parte di qualche Social Network vi sono un sacco di applicazioni da scaricare. Io uso Facebook, che mi permette di mandare in tempo reale sulla mia pagina commenti, o di leggerne di esterni, e poi uso Twittelator, che anche qui offre la possibilità di scrivere direttamente sulla vostra pagina web di Twitter. Ovviamente potete usare l’applicativo Skype, mentre se siete in auto e volete mandare una email, la cosa più semplice è attivare Voice4mail che vi permette di registrare il vostro testo e mandarlo ad destinatario che riceverà sulla sua casella di posta un link dal quale ascoltare la vostra voce e il vostro email.
L’altra notte facevo fatica a dormire. Sono andato alla finestra e, verso le 5, c’era uno spicchio di Luna con una luce brillantissima a poca distanza, Non ero sicuro si trattasse di Venere, anche se la magnitudo era certamente un indizio importante. Per sicurezza ho attivato Starmap e davanti a me si è presentata la volta celeste che mi confermava si trattava di Venere con magnitudo -4,4. Certo l’iPhone non mi ha aiutato a riprendere sonno, ma almeno mi dato una risposta immediata a una curiosità del momento.
Musicalmente sono da sempre un grande fan delle radio e sull’iPhone ho caricato applicativi come FStream, Shoutcast e FlyCast con i quali è possibile ascoltare radio da tutto il mondo in wi-fi o collegati alla rete del vostro provider (ma non ve lo consiglio…). Nel caso di FStream è possibile anche registrare quello che si ascolta e risentirlo in altri momenti via iPod.
Ma la cosa che mi colpisce di più relativamente alla musica è l’applicativo Shazam, una “roba” alla Star Trek: l’attivi quando ascolti un brano alla radio, in tv, su uno stereo… e il tuo iPhone in pochi secondi ti dice che brano è, chi lo sta cantando, a quale genere appartiene e, se vuoi, quanto costa se lo acquisti su iTunes.
Se poi non sai cosa c’è in tv puoi scaricare iTele Video o My Tv. Nel primo caso si può andare sulle pagine Rai del televideo e guardare cosa ci aspetta sul piccolo schermo, nel secondo si hanno tutti i canali anche via Sat di Sky e per ogni programma le trame relative. Ma se invece volete andare al cinema allora fate partire Now Playng: qui avete tutti i film disponibili nel raggio d’azione che delimitate voi, i cinema che li proiettano, e potete vedervi anche i trailer online.
Gran parte di questi applicativi sono gratuiti e il punto di partenza è l’applicativo PandoraBox che ogni giorno vi mostra le novità principali, suddivise per quelle a pagamento e quelle gratuite. C’è anche un’opzione per vedere quelle che prima si pagavano e ora sono state messe “free of charge” per un certo periodo.
Questo, in sostanza, è quello che uso principalmente sul mio iPhone ed è il perché ritengo che questo nuovo modo di usare il telefono (dire telefono è ormai davvero un eufemismo) mi sta effettivamente semplificando in certe situazioni la vita, rispetto anche ai Pocket PC su Mobile 5 o 6 che ho posseduto in precedenza.

Luigi Pachì

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...